Codice etico

«Alvearium» è una rivista scientifica peer-review il cui codice etico delle pubblicazioni — che si impegna a rispettare — è modellato sulla base delle linee guida elaborate da COPE (Best Practice Guidelines for Journal Editors). È necessario che tutte le parti coinvolte (Direzione, Comitato di Redazione, membri della redazione, referee, autori e eventuali collaboratori) conoscano e condividano i requisiti etici di seguito illustrati.


DOVERI DELLA REDAZIONE

Decisioni sulle pubblicazioni
Il Direttore e il Comitato di Redazione di «Alvearium» sono i soli responsabili della decisione di pubblicare o meno gli articoli sottoposti alla rivista. Essi possono consultarsi con i referee per assumere tale decisione. Il Comitato di Redazione è vincolato dalle disposizioni di legge vigenti in materia di diffamazione, violazione del copyright e plagio. Il Comitato di Redazione si avvale del supporto di revisori scelti tra i maggiori specialisti nazionali e internazionali di settore nell’assumere la decisione di pubblicare articoli, secondo la procedura di peer review.

Correttezza
Il Direttore e il Comitato di Redazione di «Alvearium» valutano gli articoli sottoposti alla rivista per la pubblicazione esclusivamente in base al loro contenuto scientifico e senza alcuna discriminazione razziale, etnica, religiosa, di genere, di orientamento sessuale, di cittadinanza e di orientamento scientifico, accademico o politico degli autori.

Riservatezza
Il Direttore, il Comitato di Redazione e gli eventuali collaboratori sono tenuti a garantire la massima riservatezza e si impegnano a non divulgare alcuna informazione sui dattiloscritti ricevuti ad alcuna persona diversa dagli autori, revisori e potenziali revisori, consulenti editoriali, e editore della rivista.

Divulgazione
Il Direttore, il Comitato di Redazione e gli eventuali collaboratori si impegnano a non utilizzare in proprie ricerche il materiale inedito contenuto nei dattiloscritti sottoposti alla rivista senza il consenso scritto dell’autore. Se il Comitato di Redazione rileva o riceve segnalazione di un problema rilevante in merito ad errori o imprecisioni, conflitto di interessi o plagio in un articolo pubblicato, ne darà tempestiva comunicazione all’autore e all’editore e intraprenderà le azioni necessarie per chiarire la questione e, in caso di necessità, ritirerà l’articolo o pubblicherà una ritrattazione.

DOVERI DEI REFEREE

Contributo alla decisione editoriale
I referee assistono Il Direttore e il Comitato di Redazione nelle decisioni editoriali sugli articoli proposti e, attraverso le comunicazioni veicolate dal Comitato di Redazione, consentono anche all’autore di migliorare il proprio contributo sulla base delle indicazioni (metodologiche, bibliografiche, ecc.) ricevute.

Rispetto dei tempi
Il referee che non si senta qualificato al compito proposto o che riconosca di non poter svolgere la revisione nei tempi richiesti è tenuto a notificare tempestivamente la sua decisione al Comitato di Redazione, rinunciando a partecipare al processo di revisione.

Riservatezza
I manoscritti ricevuti per la revisione devono essere trattati come documenti riservati. Essi, pertanto, tali testi non devono essere mostrati ad altri o discussi con altre persone senza esplicita autorizzazione del Comitato di Redazione.

Oggettività della valutazione
I referee devono condurre obiettivamente la revisione. Ogni giudizio personale sull’autore è inopportuno. I referee sono tenuti a motivare adeguatamente i propri giudizi, basandoli su argomentazioni scientifiche documentate.

Indicazione dei testi
I referee si impegnano a indicare con precisione gli estremi bibliografici di bibliografia rilevante eventualmente trascurata dall’autore. I referee devono segnalare al Comitato di Redazione eventuali somiglianze e/o plagio tra il dattiloscritto esaminato e altre pubblicazioni di cui sono a conoscenza.

Conflitto d’interesse e divulgazione
Informazioni riservate o indicazioni ottenute durante il processo di revisione devono essere considerate riservate e non possono essere usate per finalità personali. I referee sono tenuti a non accettare in lettura dattiloscritti per i quali sussiste un conflitto di interessi dovuto a precedenti rapporti di collaborazione o di concorrenza con l’autore e/o con la sua istituzione di appartenenza.


DOVERI DEGLI AUTORI

Accesso e conservazione dei dati
Gli autori dichiarano il proprio consenso all’archivazione dei dattiloscritti e alla loro illimitata e gratuita accessibilità on-line.

Originalità e plagio
Gli autori devono garantire in ogni sua parte l’originalità del dattiloscritto e, qualora utilizzino il lavoro e le parole di altri autori, devono garantire  che queste siano citate esplicitamente. Dichiarazioni fraudolente o volontariamente inesatte costituiscono un comportamento non etico e sono inaccettabili. Non possono essere presentate critiche ad altri autori per motivi non scientifici e in particolare per motivi di carattere religioso, politico, etnico, razziale, di genere sessuale, di orientamento sessuale.

Pubblicazioni multiple, ripetitive e/concorrenti
I dattiloscritti presentati alla rivista non devono essere stati pubblicati come materiale protetto da copyright in altre riviste. I manoscritti in fase di revisione della rivista non devono essere sottoposti a altre riviste per pubblicazione..

Paternità dell’opera
Va correttamente attribuita la paternità del dattiloscritto e vanno indicati come coautori tutti coloro che abbiano fornito un contributo all’ideazione, all’organizzazione, alla realizzazione e alla rielaborazione della ricerca che è alla base dell’articolo. Nel caso di contributi scritti a più mani, l’autore che invia il testo alla rivista è tenuto a dichiarare di avere correttamente indicato i nomi di tutti gli altri coautori, di avere ottenuto la loro approvazione della versione finale dell’articolo e il loro consenso alla pubblicazione.

Conflitti d’interesse e divulgazione
Tutti gli autori sono tenuti a dichiarare esplicitamente che non sussistono conflitti di interessi che potrebbero aver condizionato i risultati conseguiti o le interpretazioni proposte.

Errori negli articoli pubblicati
Qualora un autore riscontri in un suo dattiloscritto errori significativi o inesattezze, è tenuto a informare tempestivamente al Comitato di Redazione e cooperare con lo stesso al fine di ritrattare o correggere il manoscritto.